Formazione all’estero: dalla Cassa Forense fino a 7.000 € di contributo per l’anno 2019

Cassa Forense indice per l’anno 2019 un bando per l’assegnazione di borse di studio, fino allo stanziamento di € 1.000.000,00, per l’acquisizione di specifiche competenze relative all’esercizio dell’attività professionale forense.

Gli iscritti all’edizione 2019 del Corso Robert Schuman potranno usufruire di un contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese sostenute – e fino alla somma complessiva di € 7.000,00 – per la partecipazione al master.

Sono destinatari del bando coloro che, alla data di presentazione della domanda, siano iscritti alla Cassa o iscritti all’Albo con procedimento di iscrizione alla Cassa in corso, non sospesi dall’Albo ai sensi dell’art. 20 della L. n° 247/12, né cancellati dall’Albo, e in possesso dei requisiti di cui all’art. 4.
Sono esclusi coloro che, per il medesimo master/corso/scuola di specializzazione o perfezionamento, abbiano già percepito il rimborso in forza del medesimo bando per le
precedenti annualità.

Per la partecipazione al bando e l’ammissione in graduatoria di cui al successivo art. 6 sono richiesti i seguenti requisiti:
a) non aver superato il 45° anno di età alla data di pubblicazione del bando;
b) essere in regola con le prescritte comunicazioni reddituali alla Cassa;
c) inviare il modulo di domanda corredato della documentazione richiesta all’art. 5 del
bando.

La domanda deve essere inviata entro le ore 24,00 del 16 gennaio 2020, esclusivamente
tramite l’apposita procedura on-line attivata sul sito internet della Cassa.
Unitamente alla domanda il richiedente deve produrre sempre con modalità telematica:

a) copia della fattura/ricevuta relativa al costo sostenuto;
b) copia dell’attestato di frequenza, con indicazione della data di conclusione e del
numero di ore di durata del corso/master/scuola di specializzazione.

Le domande prive di sottoscrizione o carenti degli elementi essenziali che non consentano l’individuazione dell’istante o l’oggetto della richiesta si considerano come non presentate.
In caso di mancanza, incompletezza o irregolarità degli elementi formali della domanda e delle dichiarazioni rese, anche da terzi, il richiedente dovrà produrre le dichiarazioni,
integrazioni o regolarizzazioni indicate da Cassa Forense nel termine perentorio di 15 giorni dalla relativa comunicazione, a pena di esclusione.


Cassa Forense – Bando n. 10/2019

About the Author Matteo De Longis

Avvocato penalista, executive manager @Corso Robert Schuman.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: